The importance of the right plugin

la013CARIC-500 by .

(Digital products online: the nightmarish EU VAT regulation can be even worse with the wrong one)

Setting the checkout page of an online shop that sells digital products in compliance with the EU VAT tax regulation can be a real challenge.

The EU VAT regulation

As you may know, while selling on line an e-book, an image or a piece of software to a private you must add to the net price the VAT in force in the EU country the buyer resides in. Companies resident in an EU country other than the seller’s one may avoid the VAT by providing their VAT number that you, the seller, are obliged to check against the company name and IP address. Non-EU buyers, no matter if business or private, are exempted from this ordeal.

No, please don’t ask! It wasn’t me who made this law. Such a task isn’t really easy to face, and I personally haven’t a very high opinion of the bureaucrats that enacted it, but a law is a law is a law.

At first I was tempted to write directly the code to do this VAT juggling, but then, considering my always busy schedule, I resolved to look for a ready plugin to complete Vintage Nostalgia, my Easy Digital Downloads shop.
Of course I didn’t expect to find such a plugin for free: making it entails a lot of patience, time and toil.

Looking for a ready plugin

For the first one I run into the creators were demanding an exorbitant monthly fee, so I kept looking. And eventually, after some pondering, I opted for a more affordable one-time-purchase plugin and installed it.
The first doubts arose as I was faced with two pages fraught with mandatory settings accompanied by obscure and confusing explanations that weren’t of much help. I perused the documentation, run some tests… but alas! I had no way to really check the outcome as there was no way to simulate a sale abroad. Well, I thought, maybe it’s my IP address preventing me from simulating a sale in the US… and crossed my fingers hoping for the best.

Disaster!

Someone said that optmists have plenty of bad surprises: the whole thing blew up in my face as my first customer from New Zealand was charged a German VAT, and so the next one from Tasmania. What the heck???

Solution found!

I hastily put my shop on hold and started looking for a smarter alternative – and this time I found Barn2 EU VAT plugin More or less same price, extremely clear, exhaustive and properly written online documentation, smooth installation, just a couple of settings – and that was it.
Test and simulation were astonishingly easy, the customer support was friendly and competent.
And, as a most appreciated bonus, it would produce a detailed sales report to export in Excel.
No issues at all with the next sale in the US.

Thanks Barn2, I owe you a big fat breath of relief! As hopefully my readers will too 🙂

la260-350 by .

A pebble in the pond: a free Artists’ Marketplace

stock3 by .

For nearly a month (since the infamous 1st of June) a couple of disquieting questions have been bouncing back and forth within my skull:
what are we to do if/when the other agencies follow Shutterstock’s despicable example and start treating their contributors like beggars?
How come a fair agency like Picfair appears to sell nearly nothing even though they offer such awfully great pictures?

I do know all too well what it’s like to set up a photostock agency – I did it. Once you solve the technical problems (quite a hard cliff themselves) and get it to run fine, you find out to your dismay that keeping it up and running – server fees, updating, de-hacking, automation, you name it – is way more expensive (at least in time) than you optimistically thought when you started.

No, I don’t really think that setting up a new agency – with so many small ones out there struggling to survive – would be a solution. What we need is a new concept, something that would entice anyone who needs one or more images having specific requirements. The cue came from Alex Rotenberg as he told us how a customer, unable to find his images on Shutterstock any longer, got directly in touch with him.

So why not to put in contact clients and contributors, thus bypassing the agencies?
All it would take would be a surprisingly cheap and simple no-profit site, a sort of artists’ cooperative dedicated to illustrations, photos and video clips, where potential clients may freely ask for images having some specific features. Their requests appear on a board and get immediately sent per E-mail to all photographers who subscribed (for free).
A mother knows her baby, a photographer knows his/her images: the one who has an image that may satisfy the client (say, a kid playing in a puddle) replies uploading ASAP one or more watermarked images onto a page that only the client may access.

That would be really big news: a thoughtful human response, no AI at all, no 300 pictures of the same lonely puddle in the park taken from 300 different angles. And no time wasted on keywords ( do we all loathe them!)

As far as prices are concerned, that’s all to be seen: fixed price, normal and premium, private negotiation… a matter of taste. However the cooperative rules must be simple and clear, and accepted by all subscribers; that’s important, the one who doesn’t play fair gets kicked out without ceremony.
The site would be extremely simple – though attractive – and wouldn’t require any special server performances, or large amounts of memory, or special skills to run it. The only costs would be:

  • annual server rent (not much).
  • software maintenance (not much if regularly performed, but it must be done weekly to keep the software up to date and to prevent possible undue intrusions, malware and hacking).
  • start-up software development and further expansions if the initiative is successful (affordable).

No commission on sales – we’re talking of a no-profit initiative and this way it shall stay, lest greed creeps in and shatters(tocks) it to crumbles 🙂

The expenditures above would be covered by all subscribers after their first sale; if some 1000 – 1500 artists gather and join, it would be a matter of a few $ each yearly – transparent management, all expenditures publicly documented, no hidden costs.

Of course there should be a page telling the cooperative’s history and its goals, with a nice name (how about “Shutterstock’s castaways”?) and some well-groomed galleries of monographic pictures about current topics, something like the Photocase’s ones.

Maximum publicity to all successful sales on the site.
No a-priori exclusive, though it may be individually agreed with the client case by case.

All the above should obviously be discussed in detail once (if) this initiative takes shape and color. Mine is just a stone I’m throwing in the pond, let’s see now if it makes any waves…

Artist marketplace – Un idea nuova

stock3 by .

E’ da un po’ che mi rigiro in mente diverse domande con inquietudine:
cosa fare se le altre agenzie seguono l’esempio di Shutterstock, trattando i contributors da pezzenti?
come mai un’agenzia “buona” come Picfair non vende, pure avendo magnifiche foto ?

So cosa vuol dire mettere su un sito tipo agenzia di fotostock. Pur risolvendo con successo tutti i problemi inerenti al suo funzionamento la conduzione è costosa in termini di server e in tempo per l’ automazione e aggiornamento.

No, credo che la ripetizione di un’ agenzia – con le piccole esistenti che già arrancano – non sia la soluzione. Ci vuole un’idea nuova che possa attrarre chi cerca una o più foto con specifici requisiti.
Lo spunto me lo ha dato Alex Rotenberg durante il Shutterstock boycott quando dice che un cliente di punto in bianco si è messo in contatto con lui.

Perchè non mettere direttamente in contatto il cliente con i contributors saltando le agenzie?
Basterebbe un sito no profit molto semplice e affatto costoso che si presenti come una cooperativa di artisti (illustrazioni, foto, videos), in cui un cliente può fare una richiesta in dettaglio su cosa cerca. Il messaggio viene messo su una board mentre la richiesta parte per email a tutti i contributors.
Chi ha qualcosa che corrisponde ai desideri del richiedente (es. bambino che gioca in una pozzanghera) risponde con una o più immagini con watermark su una pagina apposita a cui ha accesso il cliente.
Questa sarebbe veramente la grossa novità: una risposta mirata “umana”, niente AI, niente 300 foto di una pozzanghera solitaria in un parco da diverse orientazioni. Niente tempo consumato in keywords (come le odio!)

Per i prezzi al cliente si può vedere: prezzo fisso, due fasce di prezzi di cui una premium, a contrattazione privata… è tutto da decidere. Sono regole della cooperativa che devono venire messe in chiaro precedentente. Sono importanti, perchè chi sgarra o non è leale viene messo alla porta.

Il sito sarebbe alquanto semplice, non richiederebbe prestazioni particolari dal server, nè grandi quantita di memoria da gestire. Le uniche spese sarebbero:

  • affitto annuale (poco),
  • spese di manutenzione software (poco se fatta di routine, ma va assolutamente fatta con cadenza settimanale per aggiornare il software e anche per prevenire malware e hackeraggio),
  • spese di design iniziale e eventuali sviluppi se la cosa ha successo (contenute).

Dopo prima vendita personale gli artisti contribuiscono alle spese (gestione trasparente!) con pochi dollari all’anno se si tratta di almeno 1000 – 1500 artisti che aderiscono all’idea.

Ci sarebbe una pagina che descrive la storia della coop, con un bel nome tipo “i fuoriusciti di Shutterstock” e qualche galleria ‘curata’ di foto monografiche su argomenti di attualità tipo quelle di photocase (https://www.photocase.de/) che mi piacciono molto.

Nessuna percentuale sulla vendita.
Massima pubblicità alle vendite condotte con successo.
Nessuna esclusiva a priori, ma può far parte della trattativa col cliente.

Tutto da discutere nei dettagli, la mia è una pietra buttata nello stagno, vediamo se fa cerchi…

Stock images: è giunto il momento del sito personale?

Mishmash objects with statue by Luisa Fumi.

Riflessioni sul microstock

Stato dell’ arte

Frequento non proprio ogni giorno ma quasi il forum microstockgroup popolato dai fotografi che contribuiscono con le loro immagini alle più conosciute agenzie di microstock. Così, per sentire il polso della situazione. Per lo più ne escono alti lai sul deterioramento della professione e sulle percentuali delle royalties sempre in diminuzione.
E’ vero, per i contributors la crisi c’è ed è in un buco nero.
Complice la diffusione di macchine fotografiche e smartphones sempre più perfezionati, il mercato è inflazionato: l’ offerta è enorme, di qualità da sufficiente a eccelsa. Le agenzie ne approfittano, i compensi calano. La concorrenza fra le agenzie stesse sembra sempre più spietata e le più piccole soccombono.

A cosa servono 100 milioni di immagini?

Le agenzie ora possono contare su perlomeno diecine di milioni di immagini.
Ma siamo sicuri che la scelta del cliente funzioni al top?
Come si fa ad arrivare all’immagine “giusta” se le statistiche dicono che la maggior parte degli utenti in una ricerca non va oltre la prima pagina o al massimo guarda le prime tre?
Sembra che le agenzie per non fare uscire sempre le stesse immagini in una data ricerca le ruotino, in parte random, in parte seguendo criteri che vengono aggiustati di volta in volta.

Mi chiedo se valga la pena di sprecare tanto tempo nel keywording che è la parte più noiosa dell’image processing. Ma soprattutto: che senso ha per un’agenzia possedere tante immagini se poi è come se ne avesse solo qualche migliaio da far vedere ?
Mi domando se non siamo anche qui in un buco nero di crisi.

Una via d’uscita

Forse è giunto il momento di rispolverare con altri criteri il sito personale, dove il fotografo vende da solo le proprie immagini.
Non un sito generico però, altrimenti ci confonderemmo con le piccole agenzie che hanno già vita difficile.
Un sito monografico su un argomento di interesse piuttosto ampio, che possa contenere qualche migliaio di immagini, ben studiato, diviso magari in gallerie secondo sub-categorie, facile da sfogliare dagli appassionati del genere: da chi cerca ad esempio immagini di sport, di difesa personale o alpinismo, di una certa regione Europea alquanto turistica, uno stile di vita vegano, concerti rock, energie sostenibili e altri temi molto attuali oppure un po’ retro tipo steampunk.
Magari aggiungendoci vicino un blog, che male non fa.
Pensate un po’ alle vostre passioni, a cosa vi piace fotografare di più: nel vostro cassetto (digitale) sono sicura che avete immagini in quantità.
In questa maniera le tanto sudate keywords estratte e divenute tags delle vostre pagine non vengono sprecate ma verranno usate da Google (o ancora meglio da Duckduckgo) per far trovare nelle ricerche proprio le vostre foto.
Parola mia, provato sulla mia pelle e funziona! 😀

Le vostre 2000 – 4000 immagini abilmente presentate e SEO ottimizzate possono farsi valere tutte e piazzarsi bene da sole con i motori di ricerca.

E poi perchè limitarsi ad un unico sito monografico? Sulla falsariga del primo potete crearne altri.
Coraggio, che forse una via di uscita c’è.

Dopotutto non occorre attirare milioni di visitatori e spendere follie in pubblicità quando ci si può permettere di tenere tutto il ricavato.

stock by .

Internet hacking e malware: è possibile proteggere il proprio sito? (IT)

Ebbene sì.
L’ho provato sulla mia pelle. Lo scorso anno, pur avendo una protezione anti-malware specifica a pagamento dal mio host (ora ex host), ho coabitato con una back-door e con una banda cinese che vendeva a mia insaputa articoli di moda contraffatti. Da allora ho :

  • cambiato host,
  • subito un buon numero di brute force attacks,
  • testato in parallelo differenti protezioni contro malware e individuato la più valida,
  • costruito un sistema di protezione ormai collaudato sotto diverse centinaia di attacchi.

Situazione

Putroppo lo scenario in Internet è molto differente dalla tranquillità di un paio di anni fa: adesso sono i siti relativamente piccoli di buona reputazione che fanno gola.
Nessuno può pensarsi immune dal pericolo ormai. Nei casi migliori si va dallo scavare surretizialmente cripto monete per conto altrui al trovarsi il flusso dei clienti deviato verso altri siti.
Fra le ipotesi più inquetanti c’è il ricatto da ransomware, ora approdato anche ai websites piccoli.

Conseguenze e rimedi

Ma questo non è neanche il peggio. La faccenda più grave è che, insensibili alla tua disperazione, Google ti bandisce e Firefox e gli altri browsers ti mettono una bella pagina rossa di pericolo davanti alle tue pagine con la scritta “oltrepassa a tuo rischio” facendo scappare i tuoi potenziali visitatori.
Se non altro a quel punto bisogna agire immediatamente per non lasciarsi addosso permanentemente una pessima – e ingiusta – fama.

Altro problema da considerare è che i vari software esistenti all’uopo sono – quasi tutti – bravi a dire che cosa ti è capitato, ma la prevenzione la fanno in pochi. Almeno io ho avuto la fortuna (ahem, diciamo così ) di testare contemporaneamente diversi software sotto attacco e di capire cosa funziona e cosa no.
Da lì poi ho cominciato a costruire con la mia partner web un sistema completo di protezione e monitoraggio da usare e da offrire ai nostri clienti.

La protezione web è poi una faccenda attiva e continua, insomma per sopravvivere senza grandi preoccupazioni la chiave è essere sempre aggiornati. Per me ormai è diventata routine e non ho più avuto problemi. Altrettanto possono dire i nostri affezionati clienti.

Vi incuriosisce?

Prevenzione

Vi anticipo cosa offre il nostro pacchetto prevenzione malware:

  • installazione di un firewall contro attacchi esterni al sito
  • installazione di un software di monitoraggio malware e protezione
  • monitoraggio continuo e protezione contro effrazione, brute force attacks, defacement, back-doors, ransomware, hacking e malware generico
  • scan anti-malware giornaliero
  • pluri-backups dell’intero sito su server esterno
  • prevenzione attiva con l’aggiornamento delle componenti software del sito (ad esempio, i plugins di wordpress)

Vi interessa saperne di più? contattatemi senza alcun impegno, solo due chiacchere.

p.s.
Rischiare può costar caro.
Noi costiamo mooolto meno.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies/ visitando questo sito si consente all'uso dei cookies more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close