COME INIZIARE A VENDERE STOCK ONLINE CON UN INVESTIMENTO DI 171$

logo2 by .

Una volta presa la decisione di costruire il mio sito vintage-nostalgia.com per vendere stock images (vedi puntata precedente: UN SITO DI STOCK IMAGES TUTTO MIO ) mi sono messa alla ricerca di cosa esistesse di pronto per facilitarne lo sviluppo.
La mia lunga pratica di web designer è tornata molto buona nel accorciare i tempi di questa fase.
Non solo, ma anche a ridurre di brutto la spesa iniziale.

REALIZZAZIONE SITO-SHOP – LE SCELTE DECISIVE

Piattaforma web:

Per vendere esistono parecchie soluzioni nel web. Alcune sono chiavi in mano e spesso costano parecchio.
In effetti, visti i prezzi mensili e annuali, mi sono orientata subito verso WordPress una piattaforma generica open source e free che conosco molto bene:

  • non è specificatamente orientata allo shop, quindi molto flessibile
  • è la piattaforma web più diffusa con un numero incalcolabile di plugins – molti dei quali free – da aggiungere a seconda delle proprie esigenze

Scelta fatta! Occorre ora decidere che plugin-shop usare.

Shop digitale:

La mia scelta si è ristretta subito: Woocommerce o Easy Digital Downloads (EDD)?
Scartate altre soluzioni anche tagliate su misura proprio per vendere immagini online sono rimasta su quelle che mi sembravano più affidabili e flessibili.
In entrambi i casi gli shop-plugins di base sono free. Sono le opzioni che falcidiano il portafoglio: ora è in voga far pagare l’acquisto dei plugins-opzione non una tantum ma annualmente come in una specie di affitto. Anche se il costo non è insopportabile provate a moltiplicarlo per 5 o 6 e diventa un fardello.
Alla fine ho optato per EDD – specifico per vendere prodotti digitali – scegliendo solo la versione base free senza sub-plugins che costano, alcuni anche parecchio. Idem per Woocommerce che da questo punto di vista non è da meno per farvi pagare caramente ogni desiderio in più.

Hosting

Qui vale l’esperienza professionale. Nella mia carriera ho frequentato e usato molto compagnie di hosting: alcune non esistono più, delle altre conosco i pregi e i difetti.
Mi sono buttata su qualcosa nuovo per me: ho scelto la versione Turbo shared di A2 Hosting completa di SSL e senza limiti di memoria. Almeno sulla carta era proprio quello che cercavo: un server senza limiti di memoria e con prestazioni veloci per non essere penalizzata dai motori di ricerca.

Il sito sembra effettivamente veloce, la versione shared va bene almeno per incominciare e il costo annuale pari a circa 146$ per il primo anno (raddoppia nei seguenti) si è preso la parte del leone del mio budget. Se le prestazioni promesse si rivelano affidabili il prezzo è più che accettabile.

Presentazione immagini:
Gli altri 25$ del budget iniziale se li è presi la versione PRO di WP Show Post che conoscevo già e che trovo eccezionale nella presentazione sia di pagine piene di immagini che di post tipo blog:

Il resto è free
E poi stop con le spese. Il resto sono sono tutti plugins di WordPress scelti con molta cura fra i free of charge, spesso non direttamente correlati con uno shop.
Aiuta molto in questi casi l’abitudine di analizzare separatamente ogni singolo problema da risolvere.

In pratica il mio lavoro è stato:

  • ricercare online la soluzione di un determinato task
  • scaricare un plugin
  • provarlo
  • disattivarlo
  • provarne un altro e così via fino a trovare una soluzione soddisfacente

Così ben focalizzata, più di una volta mi è capitato di trovare la soluzione nelle pieghe di WordPress stesso senza il bisogno di un altra aggiunta software.

Automazione = indipendenza

La prossima puntata è un po’ più tecnica e riguarda in dettaglio l’automatizzazione delle immagini e della pagine web dal computer allo shop.
La scelta di automatizzare OFFLINE la preparazione dei files e delle pagine web per il sito ha un suo motivo strategico:
in questa maniera qualsiasi host va bene.
A parte la velocità non viene chiesta al server nessuna opzione particolare, nessun software aggiuntivo per il trattamento delle immagini: rimane tutto nello standard delle offerte. Questo riduce drasticamente il costo del servizio.

Se non vi trovate bene da un host, in pochi giorni (dipende dal numero delle immagini da caricare per ftp) siete operativi da un altra compagnia.

Puntata precedente: UN SITO DI STOCK IMAGES TUTTO MIO
Prossima puntata: COME AUTOMATIZZARE UN SITO DI STOCK IMAGES E VIVERE FELICI

MY OWN STOCK IMAGES WEBSITE, ALL MINE!

WOMAN-POSTER2-300 by .

For a very long time I’ve been dreaming of a site of my own where I could sell my images.
Not that I hadn’t tried in the past, but the results weren’t very encouraging: updating and maintaining such a site proved way too burdensome even after automating (well, partially…) the image uploading procedure.

As it is I gave up on it and put away that dream in a drawer – until recently a number of ideas (see below) induced me to dust it off and try once more.
And this time I made it!
Now to sell my own stock images I finally have a fully automated website, easily maintained and – if I say so myself – functional and enjoyable to use.
To get started I chose a pretty profitable niche product I particularly like: beautiful venerable images from ancient books (that I keep collecting maniacally), scanned at a very high resolution and then processed to spotlessness using a set of tricks and procedures I’ve perfected during so many years of experience.

A FEW CONSIDERATIONS TO START WITH:

  • In these days the stock images market is saturated: just anyone can take excellent pictures today using a cheap camera or even a cellphone that does most of the thinking for them. Supply and competition are overwhelming.
  • The stock agencies work with tens of millions of images (to say the least); to rummage through them all in search of the ‘right’ one is definitely no easy job for the customer
  • IMO too many images produce a sort of boomerang-effect: after 4-5 online pages full of pictures and/or illustrations, the visitor’s attention tends to drop drastically. I’m wondering if the many thousands of images I’ve uploaded myself to the agencies’ sites are found at all despite all the care I took (and all the time I spent) to choose painstakingly the most appropriate keywords.
  • To back up that doubt there’s the fact that, although I lately added another few thousand images to my accounts by the fistful of agencies still worth posting to, my return in terms of royalties hasn’t changed appreciably. Where did my images go?
  • As I then read on the Wailing Wall the specialized forums have become, I cannot help getting a dark thought: not only are the current royalties quite measly, but also there’s no way to know how many of our images are actually sold – but for what the agencies themselves tell us.
    Shall we really trust them?

Giving free rein to the fantasy brought up the thought of a very decent way to get out of this nasty pickle: an online cooperative of artists residing on a virtual mega-site where each one has an own site-space and an own personal specialty-niche.

Not really mine as a matter of fact: in a way this was also the basic idea behind Simbiostock, that apparently for some reasons didn’t work out – which should be ascribed more to the way it was implemented than to the idea itself. Their original intentions looked actually good: I even got to use their free image management plugin, although it looked somewhat cumbersome.

However that notion may be (with some luck) a promising second step but hardly the first one: the first one has to be an independent niche-centered stock images site that, once it’s working fine, can merge with ‘sister’ sites and grow up with them.
Thus, like a dog gnawing at a bone, I growled and faced the problem of a fully automated personal stock site by breaking it down to a number of simple well-defined tasks to be munched one by one.

THE WEBSITE MINIMUM REQUIREMENTS

  • The site should be fast. Otherwise it wouldn’t be competitive and the search engines would penalize it – if not snob it at all. As such the host should be chosen with the greatest care.
  • The site should use a safe connection: nowadays the SSL protocol is indispensable for any well-bred site, in particular for a virtual shop.
  • The site should abide by the EU directives in matter of privacy and tax clarity.
  • The storage space should not be limited to a few gigabytes – images take a lot of space.

THINGS TO BE OPTIMIZED AND AUTOMATED

  • The images should be uploaded by chunks per ftp, the fastest available connection between your computer and the online server.
  • The metadata should be extracted from the images offline and automatically; in particular the keywords, extremely important as TAGS to optimize the web pages for the search engines and crucial to locate an image amid millions of others.
  • All the data (prices, keywords, sizes etc.) required to populate the web pages must be loaded automatically by means of an auxiliary text file. Generally used to this purpose are the Excel-generated .cvs files.
  • The .cvs files in turn should be built offline upon the data hidden within the images and all the other parameters required by the shop web pages, of course still automatically.

Obviously uploading the images and preparing the single ‘product’ web pages by hand is still possible, but it would hamper lethally the swiftness of the daily site updating – as well as swallow plenty of one’s precious time that would be better devoted to sorting, processing and keywording new images. Firsthand experience, you may take my word for it 🙁

LAST BUT NOT LEAST…

A last most important requirement is that the initial financial investment be modest: even if you can afford it, you certainly do not want to put too much money in such a website until you see some promising return. Thus for now watch the costs: once your own agency takes off you’ll be able to loosen the purse strings at leisure 🙂

Next article: HOW TO GET STARTED AND BEGIN SELLING WITH $170.99 (no bul***it, it worked for me 😀 )