COME INIZIARE A VENDERE STOCK ONLINE CON UN INVESTIMENTO DI 171$

logo2 by .

Una volta presa la decisione di costruire il mio sito vintage-nostalgia.com per vendere stock images (vedi puntata precedente: UN SITO DI STOCK IMAGES TUTTO MIO ) mi sono messa alla ricerca di cosa esistesse di pronto per facilitarne lo sviluppo.
La mia lunga pratica di web designer è tornata molto buona nel accorciare i tempi di questa fase.
Non solo, ma anche a ridurre di brutto la spesa iniziale.

REALIZZAZIONE SITO-SHOP – LE SCELTE DECISIVE

Piattaforma web:

Per vendere esistono parecchie soluzioni nel web. Alcune sono chiavi in mano e spesso costano parecchio.
In effetti, visti i prezzi mensili e annuali, mi sono orientata subito verso WordPress una piattaforma generica open source e free che conosco molto bene:

  • non è specificatamente orientata allo shop, quindi molto flessibile
  • è la piattaforma web più diffusa con un numero incalcolabile di plugins – molti dei quali free – da aggiungere a seconda delle proprie esigenze

Scelta fatta! Occorre ora decidere che plugin-shop usare.

Shop digitale:

La mia scelta si è ristretta subito: Woocommerce o Easy Digital Downloads (EDD)?
Scartate altre soluzioni anche tagliate su misura proprio per vendere immagini online sono rimasta su quelle che mi sembravano più affidabili e flessibili.
In entrambi i casi gli shop-plugins di base sono free. Sono le opzioni che falcidiano il portafoglio: ora è in voga far pagare l’acquisto dei plugins-opzione non una tantum ma annualmente come in una specie di affitto. Anche se il costo non è insopportabile provate a moltiplicarlo per 5 o 6 e diventa un fardello.
Alla fine ho optato per EDD – specifico per vendere prodotti digitali – scegliendo solo la versione base free senza sub-plugins che costano, alcuni anche parecchio. Idem per Woocommerce che da questo punto di vista non è da meno per farvi pagare caramente ogni desiderio in più.

Hosting

Qui vale l’esperienza professionale. Nella mia carriera ho frequentato e usato molto compagnie di hosting: alcune non esistono più, delle altre conosco i pregi e i difetti.
Mi sono buttata su qualcosa nuovo per me: ho scelto la versione Turbo shared di A2 Hosting completa di SSL e senza limiti di memoria. Almeno sulla carta era proprio quello che cercavo: un server senza limiti di memoria e con prestazioni veloci per non essere penalizzata dai motori di ricerca.

Il sito sembra effettivamente veloce, la versione shared va bene almeno per incominciare e il costo annuale pari a circa 146$ per il primo anno (raddoppia nei seguenti) si è preso la parte del leone del mio budget. Se le prestazioni promesse si rivelano affidabili il prezzo è più che accettabile.

Presentazione immagini:
Gli altri 25$ del budget iniziale se li è presi la versione PRO di WP Show Post che conoscevo già e che trovo eccezionale nella presentazione sia di pagine piene di immagini che di post tipo blog:

Il resto è free
E poi stop con le spese. Il resto sono sono tutti plugins di WordPress scelti con molta cura fra i free of charge, spesso non direttamente correlati con uno shop.
Aiuta molto in questi casi l’abitudine di analizzare separatamente ogni singolo problema da risolvere.

In pratica il mio lavoro è stato:

  • ricercare online la soluzione di un determinato task
  • scaricare un plugin
  • provarlo
  • disattivarlo
  • provarne un altro e così via fino a trovare una soluzione soddisfacente

Così ben focalizzata, più di una volta mi è capitato di trovare la soluzione nelle pieghe di WordPress stesso senza il bisogno di un altra aggiunta software.

Automazione = indipendenza

La prossima puntata è un po’ più tecnica e riguarda in dettaglio l’automatizzazione delle immagini e della pagine web dal computer allo shop.
La scelta di automatizzare OFFLINE la preparazione dei files e delle pagine web per il sito ha un suo motivo strategico:
in questa maniera qualsiasi host va bene.
A parte la velocità non viene chiesta al server nessuna opzione particolare, nessun software aggiuntivo per il trattamento delle immagini: rimane tutto nello standard delle offerte. Questo riduce drasticamente il costo del servizio.

Se non vi trovate bene da un host, in pochi giorni (dipende dal numero delle immagini da caricare per ftp) siete operativi da un altra compagnia.

Puntata precedente: UN SITO DI STOCK IMAGES TUTTO MIO
Prossima puntata: COME AUTOMATIZZARE UN SITO DI STOCK IMAGES E VIVERE FELICI

MY OWN STOCK IMAGES WEBSITE, ALL MINE!

WOMAN-POSTER2-300 by .

For a very long time I’ve been dreaming of a site of my own where I could sell my images.
Not that I hadn’t tried in the past, but the results weren’t very encouraging: updating and maintaining such a site proved way too burdensome even after automating (well, partially…) the image uploading procedure.

As it is I gave up on it and put away that dream in a drawer – until recently a number of ideas (see below) induced me to dust it off and try once more.
And this time I made it!
Now to sell my own stock images I finally have a fully automated website, easily maintained and – if I say so myself – functional and enjoyable to use.
To get started I chose a pretty profitable niche product I particularly like: beautiful venerable images from ancient books (that I keep collecting maniacally), scanned at a very high resolution and then processed to spotlessness using a set of tricks and procedures I’ve perfected during so many years of experience.

A FEW CONSIDERATIONS TO START WITH:

  • In these days the stock images market is saturated: just anyone can take excellent pictures today using a cheap camera or even a cellphone that does most of the thinking for them. Supply and competition are overwhelming.
  • The stock agencies work with tens of millions of images (to say the least); to rummage through them all in search of the ‘right’ one is definitely no easy job for the customer
  • IMO too many images produce a sort of boomerang-effect: after 4-5 online pages full of pictures and/or illustrations, the visitor’s attention tends to drop drastically. I’m wondering if the many thousands of images I’ve uploaded myself to the agencies’ sites are found at all despite all the care I took (and all the time I spent) to choose painstakingly the most appropriate keywords.
  • To back up that doubt there’s the fact that, although I lately added another few thousand images to my accounts by the fistful of agencies still worth posting to, my return in terms of royalties hasn’t changed appreciably. Where did my images go?
  • As I then read on the Wailing Wall the specialized forums have become, I cannot help getting a dark thought: not only are the current royalties quite measly, but also there’s no way to know how many of our images are actually sold – but for what the agencies themselves tell us.
    Shall we really trust them?

Giving free rein to the fantasy brought up the thought of a very decent way to get out of this nasty pickle: an online cooperative of artists residing on a virtual mega-site where each one has an own site-space and an own personal specialty-niche.

Not really mine as a matter of fact: in a way this was also the basic idea behind Simbiostock, that apparently for some reasons didn’t work out – which should be ascribed more to the way it was implemented than to the idea itself. Their original intentions looked actually good: I even got to use their free image management plugin, although it looked somewhat cumbersome.

However that notion may be (with some luck) a promising second step but hardly the first one: the first one has to be an independent niche-centered stock images site that, once it’s working fine, can merge with ‘sister’ sites and grow up with them.
Thus, like a dog gnawing at a bone, I growled and faced the problem of a fully automated personal stock site by breaking it down to a number of simple well-defined tasks to be munched one by one.

THE WEBSITE MINIMUM REQUIREMENTS

  • The site should be fast. Otherwise it wouldn’t be competitive and the search engines would penalize it – if not snob it at all. As such the host should be chosen with the greatest care.
  • The site should use a safe connection: nowadays the SSL protocol is indispensable for any well-bred site, in particular for a virtual shop.
  • The site should abide by the EU directives in matter of privacy and tax clarity.
  • The storage space should not be limited to a few gigabytes – images take a lot of space.

THINGS TO BE OPTIMIZED AND AUTOMATED

  • The images should be uploaded by chunks per ftp, the fastest available connection between your computer and the online server.
  • The metadata should be extracted from the images offline and automatically; in particular the keywords, extremely important as TAGS to optimize the web pages for the search engines and crucial to locate an image amid millions of others.
  • All the data (prices, keywords, sizes etc.) required to populate the web pages must be loaded automatically by means of an auxiliary text file. Generally used to this purpose are the Excel-generated .cvs files.
  • The .cvs files in turn should be built offline upon the data hidden within the images and all the other parameters required by the shop web pages, of course still automatically.

Obviously uploading the images and preparing the single ‘product’ web pages by hand is still possible, but it would hamper lethally the swiftness of the daily site updating – as well as swallow plenty of one’s precious time that would be better devoted to sorting, processing and keywording new images. Firsthand experience, you may take my word for it 🙁

LAST BUT NOT LEAST…

A last most important requirement is that the initial financial investment be modest: even if you can afford it, you certainly do not want to put too much money in such a website until you see some promising return. Thus for now watch the costs: once your own agency takes off you’ll be able to loosen the purse strings at leisure 🙂

Next article: HOW TO GET STARTED AND BEGIN SELLING WITH $170.99 (no bul***it, it worked for me 😀 )

UN SITO DI STOCK IMAGES TUTTO MIO

WOMAN-POSTER2-300 by .

Da un sacco di tempo volevo un mio sito personale dove vendere immagini.
Ci avevo già provato in passato senza molto successo: i problemi di manutenzione del sito erano troppo gravosi anche automatizzando parzialmente l’upload delle immagini.

Insomma ci avevo messo proprio una pietra sopra fino a quando una serie di considerazioni (di cui riferisco qui sotto) mi hanno fatto ripensare al progetto.
Ora però ce l’ho fatta: ho un sito automatizzato in tutte le sue parti, semplice da mantenere e mi pare funzionale e piacevole per l’utente.
Ho scelto per cominciare solo un mio prodotto di nicchia: la divulgazione high res di immagini antiche dai libri di antiquariato che colleziono con grande passione e che restauro e riproduco digitalmente con un procedimento collaudato e messo a punto in anni di esperienza

Le considerazioni preliminari:

  • Il mercato delle stock images è ormai inflazionato: tutti possono scattare foto di qualità con macchine fotografiche a buon prezzo e con cellphones. L’offerta e la concorrenza sono enormi.
  • Le agenzie lavorano con decine di milioni di immagini (a dir poco), ricercare lì in mezzo quelle ‘giuste’ per il cliente non è un compito facile.
    Mi sembra che troppe immagini comportino un effetto boomerang: già dopo aver sfogliato online 4-5 pagine piene di foto o illustrazioni l’interesse decade rapidamente. Mi domando se le mie immagini caricate sui siti delle agenzie vengano trovate anche se curo in maniera maniacale le keywords perdendoci molto tempo su.
  • Una riprova ai miei dubbi mi viene purtroppo dal fatto che – pur dopo aver alimentato di qualche migliaio di immagini i miei accounts sul pugno di agenzie dove ancora vale la pena di postare – il rendimento in royalties anche se non cala non aumenta.
  • Leggendo poi il muro del pianto che sono diventati i forums specializzati, mi viene un altro brutto pensiero: che non solo le royalties siano ormai in generale alquanto modeste ma che non esista nessun controllo su quante nostre immagini vengano effettivamente vendute. Ci fidiamo?

Mi sembra che occorra a questo punto riprendere in mano l’iniziativa e giocare nel web le proprie carte in maniera differente. Come fare? Sbrigliando la fantasia mi viene in mente che la soluzione potrebbe essere una coperativa online di artisti collegati in un megasito dove ognuno ha il suo spazio-sito e la sua nicchia-specialità personale

Era un po’ questa l’idea di Simbiostock che però sembra non abbia funzionato. Probabilmente il difetto non stava nell’idea in sé ma nella sua realizzazione. Le intenzioni di partenza parevano buone: ho anche usato il loro plugin per la gestione delle immagini che mi è però sembrato alquanto farraginoso.

Comunque il primo problema da risolvere rimane come realizzare un sito stock personale completamente automatizzato. Una volta costruito e funzionante, può eventualmente mergersi con strutture analoghe e crescere assieme.

Come il cane che rosicchia l’osso ho cominciato ad affrontare di nuovo l’idea del sito stock personale scomponendolo in task semplici.

I requisiti minimi del sito:

  • il sito deve essere veloce altrimenti non è competivo e viene penalizzato dai motori di ricerca: il host deve essere scelto con gran cura
  • Il sito deve utilizzare una connessione sicura: il protocollo SSL è ormai indispensabile per ogni sito per bene e in particolare per uno shop
  • il sito deve essere in regola con le direttive EU: questo vuol dire privacy policy e prezzi con tasse in evidenza.
  • Lo spazio del sito non deve essere limitato a pochi Gigabytes

Gli automatismi necessari

    Certo è sempre possibile preparare manualmente le pagine dei prodotti dello shop o caricare manualmente le immagini, ma non è questa la strada per poter avere un sito aggiornabile senza fatica ogni giorno. Mi sono posta il problema di come fare per automatizzare completamente l’aggiornamento senza intervento manuale:

  • Le immagini devono essere caricate a blocchi per ftp, la connessione più veloce fra il vostro computer e il server online
  • Occorre estrarre offline i metadata dalle immagini automaticamente, soprattutto le keywords estremamente importanti per l’ottimizzazione delle pagine web per i motori di ricerca dove vengono usate come tags
  • Occorre caricare tutti i dati per popolare un blocco di pagine web dello shop automaticamente con un file di testo. Un protocollo generalmente usato sono i files .csv preparati in ambiente Excel.
  • I files .csv a loro volta devono essere costruiti offline dai dati delle immagini e completati con i rimanenti parametri delle pagine dei prodotti (categorie, url’s dei files da scaricare ecc.) in maniera automatica

Last but not least…

Un ultimo requisito importante: l’investimento monetario iniziale deve essere modesto.
Occhio ai costi dunque: quando e se l’agenzia personale prende le ali si possono allargare i cordoni della borsa.

Nella prossima puntata: COME INIZIARE A VENDERE STOCK ONLINE CON UN INVESTIMENTO DI 171$

Problemi per preparare una privacy policy? (IT)

Non è una cosa semplicissima. Essendo un’agenzia web ci siamo attrezzate per i nostri clienti e siamo rimaste sorprese e quasi commosse nel trovarli estremamente riconoscenti.

Abbiamo dovuto preparare policies in tre lingue (italiano, inglese e tedesco) e tagliarle su misura per chi aveva i cookies, o chi solo un blog, senza tralasciare le iconette social, Google Analytics e PayPal.

Certo, è stata una bella faticaccia, anche perchè all’inizio anche noi eravamo un po’ spaesate, dovendo trovare delle fonti attendibili e sicure. Quindi abbiamo fatto un bel po’ di lavoro. Abbiamo pensato che molti si saranno trovati nella stessa situazione e avranno di fretta raffazzonato un testo qualsiasi pur di essere in regola, visto che le multe sono veramente salatissime.

Se può interessarvi, possiamo stendere privacy policies personalizzate in italiano (o in inglese e in tedesco, molto utile se avete un sito plurilingue, i vostri visitatori lo apprezzeranno!), ad un prezzo veramente modico, poichè il grosso della preparazione l’abbiamo già fatto.

Dobbiamo premettere che comunque la responsabilità della privacy policy è vostra: non siamo uno studio legale anche se abbiamo avuto un appoggio legale come input, quindi vi chiederemo una liberatoria riguardo a responsabilità, cosa peraltro che tutti i notri clienti hanno sottoscritto di buon grado.

Contatteci senza impegno a info@luisafumi.com oppure a info@web-ankh,com, saremo veramente liete di aiutarvi!

Restyling web-ankh agenzia Internet (IT)

Finalmente la mia web-partner ed io abbiamo trovato il momento di rinnovare il sito della nostra agenzia web-ankh.com in italiano e tedesco. Presto, appena i nostri impegni ce lo consentiranno aggiungeremo le pagine in inglese.

web-ankh.com agenzia internet

La parte più importante del sito riguarda le prestazioni offerte divise per specialità:

siti web

  • parallax, one-page site, ottimo per cominciare in bellezza
  • siti responsive & mobile, per una perfetta diffusione su ogni schermo
  • WordPress & blog, come monetizzare il vostro tempo con un blog
  • E-shops, con supporto marketing oriented
  • siti multilingua, per un mercato potenzialmente enorme

servizi web

  • domain & hosting, know-how pluriannuale al vostro servizio per evitare passi falsi
  • logo & grafica, comunicazione e stile per il vostro sito
  • foto & immagini creative, scegliamo assieme le immagini per completare le vostre idee
  • animazioni 3D, per oltrepassare la barriera del linguaggio
  • SSL encryption, sicurezza e web ranking
  • PayPal, non solo shop
  • restyling per siti trendy
  • manutenzione & cura, non vi lasciamo soli

presenza web

  • online marketing, tagliato su misura
  • ottimizzazione SEO, per il ranking del vostro sito
  • testi creativi, per catturare l’attenzione di un mouse click
  • social media & blog, sinergie per espandere la vostra presenza web

protezione web

Un sistema completo di protezione e monitoraggio per proteggere il vostro sito contro hacking e malware.
A questo proposito trovate un mio articolo qui

The new supernova over Munich, editorial photos (EN)

Inauguration of the ESO (European Southern Observatory) Supernova Planetarium & Visitor Centre near the Eso headquarters in Garching near Munich, Germany

GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public
GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public

A new great attraction in Munich!
Supernova provides an immersive experience in astronomy and technology and – I would remark – lot of fun with interactive gadgets and virtual reality.
Learn the stars, the new projects and the history of universe on colorful boards written with dedication and full of amazing images.

GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public
GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public
GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public
GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public
GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public
GARCHING, GERMANY - APRIL 27, 2018  The new Supernova Planetarium of ESO (European Southern Observatory) opens to the public

Microstock: cosa fotografare

Cosa fotografare che possa interessare un acquirente?

Non c’è limite al brutto.

Posso scioccarvi? Non sempre le vostre foto più belle coincidono con le più vendute.
guardate alcune mie immagini, vendute e rivendute attraverso gli anni :

una camicia scozzese isolata su bianco

red winter shirt with tartan pattern


una grata metallica per terra

grunge and dirty iron floor plate with diamond motives
un cartello di lavori in corso

road in maintenance signal on a urban pavement


una pianta di pomodori…

Gardening on the balcony, potted tomato plant with ripe cherry tomatoes to be harvested

… questa cornice vuota è il mio best-seller da Shutterstock è ha totalizzato finora solo lì la bellezza di 616,28 dollari di royalties!

non dico proprio che non c’è limite al brutto e banale, ma spesso guardando una foto ho pensato: mah, mettiamola pure anche se non si venderà. E invece…

Per compensare fra i miei best sellers ci sono alcune foto iconiche di edifici tipo il palazzo reale a Genova

Royal Palace (Palazzo Reale or Palazzo Stefano Balbi)) in Genoa, Italy is  beautiful example of monumental architecture. Building begun on 1618 for the Balbi family

o luoghi fotogratissimi come L’Englischer Garten a Monaco, qui in una calda giornata di Ferragosto,

MUNICH, GERMANY-AUGUST 15, 2013. People enjoy the sun on the green of the Englischer Garten in Munich on a summer holiday day

che comunque da anni vendono sempre molto bene.

Per contro alcune immagini che mi sembrano bellissime, sembra che piacciano solo a me.

La nicchia, un mito da sfatare.

Molti vi diranno: trovate la vostra nicchia, trovate un campo nuovo dove c’è poca concorrenza.
A me sembra importante invece come vi guardate attorno. Vi direi piuttosto di rivisitare le strade già battute senza paura: più che la tecnica è importante il contenuto e il vostro punto di vista.
Fatevi pure ispirare dalle foto più popolari nelle agenzie di microstock , ma riproponetele in maniera nuova: pensate al concetto che volete esprimere e a una prospettiva un po’ inusuale. Se si tratta di un paesaggio focalizzatevi su un particolare significativo, quello che della scena vi colpisce di più.

Venice, Arsenal dockyard built in 1104 with ancient docks, the powder house and a piece of modern art presented at the Biennale di Venezia

Siate creativi, è la parte più divertente di tutta la faccenda microstock

Digital art with watercolor filters (EN)

I have begun to play with Photoshop artistic filters for fun.
Adjusting the parameters, some results are remarkable: the starting point is always a shot of mine, but the overall feeling changes.

Not all the images are suitable for this kind of treatment, but some are really enhanced by the watercolor effect:









They are accepted by Shutterstock as illustrations and they are selling!

Internet hacking e malware: è possibile proteggere il proprio sito? (IT)

Ebbene sì.
L’ho provato sulla mia pelle. Lo scorso anno, pur avendo una protezione anti-malware specifica a pagamento dal mio host (ora ex host), ho coabitato con una back-door e con una banda cinese che vendeva a mia insaputa articoli di moda contraffatti. Da allora ho :

  • cambiato host,
  • subito un buon numero di brute force attacks,
  • testato in parallelo differenti protezioni contro malware e individuato la più valida,
  • costruito un sistema di protezione ormai collaudato sotto diverse centinaia di attacchi.

Situazione

Putroppo lo scenario in Internet è molto differente dalla tranquillità di un paio di anni fa: adesso sono i siti relativamente piccoli di buona reputazione che fanno gola.
Nessuno può pensarsi immune dal pericolo ormai. Nei casi migliori si va dallo scavare surretizialmente cripto monete per conto altrui al trovarsi il flusso dei clienti deviato verso altri siti.
Fra le ipotesi più inquetanti c’è il ricatto da ransomware, ora approdato anche ai websites piccoli.

Conseguenze e rimedi

Ma questo non è neanche il peggio. La faccenda più grave è che, insensibili alla tua disperazione, Google ti bandisce e Firefox e gli altri browsers ti mettono una bella pagina rossa di pericolo davanti alle tue pagine con la scritta “oltrepassa a tuo rischio” facendo scappare i tuoi potenziali visitatori.
Se non altro a quel punto bisogna agire immediatamente per non lasciarsi addosso permanentemente una pessima – e ingiusta – fama.

Altro problema da considerare è che i vari software esistenti all’uopo sono – quasi tutti – bravi a dire che cosa ti è capitato, ma la prevenzione la fanno in pochi. Almeno io ho avuto la fortuna (ahem, diciamo così ) di testare contemporaneamente diversi software sotto attacco e di capire cosa funziona e cosa no.
Da lì poi ho cominciato a costruire con la mia partner web un sistema completo di protezione e monitoraggio da usare e da offrire ai nostri clienti.

La protezione web è poi una faccenda attiva e continua, insomma per sopravvivere senza grandi preoccupazioni la chiave è essere sempre aggiornati. Per me ormai è diventata routine e non ho più avuto problemi. Altrettanto possono dire i nostri affezionati clienti.

Vi incuriosisce?

Prevenzione

Vi anticipo cosa offre il nostro pacchetto prevenzione malware:

  • installazione di un firewall contro attacchi esterni al sito
  • installazione di un software di monitoraggio malware e protezione
  • monitoraggio continuo e protezione contro effrazione, brute force attacks, defacement, back-doors, ransomware, hacking e malware generico
  • scan anti-malware giornaliero
  • pluri-backups dell’intero sito su server esterno
  • prevenzione attiva con l’aggiornamento delle componenti software del sito (ad esempio, i plugins di wordpress)

Vi interessa saperne di più? contattatemi senza alcun impegno, solo due chiacchere.

p.s.
Rischiare può costar caro.
Noi costiamo mooolto meno.

Editorial images: spring flea market (EN)

Spring in Bavaria is the best time to visit flea markets.
The season begins with the biggest of all, the Riesenflomarkt in Munich at the same location of the Oktoberfest in autumn.
A big flea festival reserved only to private sellers, about 2000 stands just for one day of bargains.

Munich, collectible objects, home decorations, dishware and lamps on sell at the open air giant flea market
Munich, vintage movie posters and clothing on sell at the open air giant flea market
Munich, great choice of classical and modern guitars on sell at  open air giant flea market

Fancy a cowbell? Great choice here!

Riesenflomarkt in Munich, spring flea market

… or a trophy for your drawing room?

Munich, ibex head with horns as taxidermic trophy on sell at the open air giant flea market

I always find something to buy: ancient books, coffee cups and absolute useless trinkets that I cannot leave there, because they are telling me a story.
After this shopping ordeal, you can have a beer and a merry-go-round at the nearby spring Festival!

Munich, spring festival