shutter-red-b by .

Il tradimento di Shutterstock

Nel mondo microstock al momento non si parla d’altro: dal 1 giugno le percentuali delle royalties di Shutterstock sono cambiate.
In meglio o in peggio? Direte voi.
In peggio naturalmente e comunicate con solo un paio di giorni di anticipo.

In sostanza se il giorno prima prendevo 36 centesimi di dollaro per download ora sono retrocessa a 10 centesimi per download.
Se vendo tanto posso aspirare ad avere di più, ma all’inizio di ogni anno si riazzera il vantaggio creato dalle vendite, si riparte da capo e devo rimettermi a correre.
Ci sono è vero anche le vendite speciali che ogni tanto ti portano in tasca qualcosa, ora comunque anche quelle più che dimezzate in valore.

Non c’entra il COVID o una perdita di Shutterstock. Da quel che ho raccolto in giro la società è in fiore, non ha debiti, ha parecchi milioni di dollari in cassa e sede nell’Empire State Building a NY.

Il nuovo sistema penalizza al massimo i piccoli contributors con qualche migliaio di immagini in vendita, che poi sono quelli che maggiormente dipendono dalle royalties spesso anche per la loro sopravvivenza.

Insomma una bruttissima sorpresa.

E poi quello schiaffo dei 10 centesimi, quando ogni foto la progetti, la ispezioni al 100% per vederne i difetti, la processi con Photoshop o simili e poi ci fai sopra le keywords (lavoro noiosissimo ed odioso) stando attenta a mettere davanti le più significative o a delineare le 10 più importanti per l’idiosincrasia di qualche agenzia. Un casino di lavoro.
Forse non lo sapete, ma in questo mercato così bizzarro per la stessa immagine puoi ricevere una royalty da pochi centesimi a 100 dollari o più a seconda dell’agenzia e dall’opzione di acquisto scelta dal compratore. La situazione non è una rarità.
Allora non puoi fare a meno di pensare “questi 10 centesimi mi fanno perdere la vendita più sostanziosa da un’altra parte”.
Così cancelli da Shutterstock quell’immagine. E poi tutte le altre con un qualche potenziale di vendita e lasci solo le tue prime quando avevi poca esperienza di post-processing e in verità sono proprio bruttine… ma forse per 10 centesimi possono anche venderle…
Poi per completare l’opera togli i links al tuo portfolio di Shutterstock dal tuo blog, dal tuo sito, ecc.

E finalmente ti senti meglio!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies/ visitando questo sito si consente all'uso dei cookies more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close